Thursday, February 25, 2016

Mura domestiche


Mura domestiche - racconto breve erotico

Elena sta lavando i piatti. Sembra spensierata. La schiuma profumata al limone deterge con efficacia. L’acqua calda porta via lo sporco. Spot pubblicitario ripetuto nella vita. Reclàmme domestica. Ogni tanto le scappa dalla labbra un accenno di canzone. Mugugnìo musicale.

Fuori dalla porta l’uomo si guarda intorno. Il corridoio del condominio è deserto. Gli appartamenti hanno occhi chiusi sul mondo. Davanti a se una porta. Chiusa anch’essa. L’uomo srotola il passamontagna nero che tiene in mano. Un’ultima occhiata in giro. Nessuno. Lo indossa e gira piano la maniglia. La porta si apre silenziosa su un salotto ben arredato. Divani, tv, libreria, qualche pianta. Dalla cucina proviene uno sciacquio e un canto sommesso.

L’uomo chiude piano la porta. Non fa rumore. Un passo dopo l’altro, piano, si avvicina alla porta della cucina. Elena dà le spalle alla porta. E all’uomo. Lui si avvicina piano. All’improvviso lei sente i peli sulla nuca rizzarsi. Istinto animalesco. Pericolo! Elena cerca di voltarsi ma l’uomo l’afferra. Una mano sulla bocca. Una mano intorno alla vita. Elena si lascia sfuggire il piatto che teneva in mano, che si infrange nel lavello. Bolle e schegge. L’uomo la trascina via con le mani ancora imbrattate di schiuma. L’acqua scorre.

Elena tenta di liberarsi, urla. Grido soffocato, morsa d’acciaio. Niente. Non ce la fa. L’uomo si guarda veloce intorno, poi imbocca il corridoio, trascinando Elena verso la camera da letto. La mano dalla vita è scesa verso il basso ventre. Verso l’inguine. La tuta di Elena è fatta per la casa. Comoda, lasca. Lui infila la mano nell’elastico. Sente gli slip. Tanga di pizzo. Bene.

Lei urla sempre più piano. Le manca il fiato. Sviene quasi. Sono in camera. Zitta, dice lui, o ti ammazzo come una cagna. È un sibilo ma Elena rimane immobile come tramortita da un pugno nello stomaco..

La mano di lui si sposta dalla bocca e scende. Sotto la maglietta. Sul seno. Destro. È morbido il seno di Elena. Ha una deliziosa curva e una soda pienezza. Un capezzolo fiero che guarda il mondo altezzoso. Ora nelle mani dell’uomo che lo stringe e lo pizzica, mantiene a fatica quel cipiglio.

Elena sente l’uomo che si sta eccitando. Sente le sue mani su di lei. Si trattiene dall’urlare ancora.

L’uomo la spinge con forza sul letto. Prona. Le sfila i pantaloni. Zitta, ordina ancora. Le alza la maglietta e le annusa la pelle della schiena. Poi si avvicina alle natiche. Lana morbida e caldo fiato. Elena sente che lui sta armeggiando con la cintura, poi i calzoni. Li sfila. In un attimo è sopra di lei. Le strappa il tanga. Elena sente il respiro di lui che accelera. Anche il suo. Si afferra al copriletto estivo. Illusione di sicurezza.

L’uomo si sdrai su di lei. La penetra. Con violenza. Lei stringe più forte il tessuto. Schiaccia il viso sul letto. Lui si dimena sopra di lei. Mormora e grugnisce. Spinge. Ancora. Poi con un rantolo gutturale emette un ultimo gemito. Elena lo sente venirle dentro.

L’uomo si alza, afferra i pantaloni di Elena e si pulisce. Poi si riveste. Calmo. Lei è ancora sdraiata sul letto sgualcito. Nuda.

L’uomo la osserva per un attimo, poi esce dalla camera da letto. In corridoio sente che l’acqua del lavello sta ancora scorrendo. Va in cucina e la chiude. Un ultima occhiata al soggiorno. Apre la porta dell’appartamento e sta per uscire, quando sente la voce di Elena dalla camera da letto: ci vediamo martedì prossimo!

Sei proprio una puttana, mormora lui. Scuote la testa. Chiude la porta poi. Se ne va.


Post a Comment